Tecniche mnemoniche: il vettore mentale

Vi propongo la revisione di uno dei miei primi post. Parla di un semplice sistema per ricordare le cose basato sugli studi del professor Alan Baddeley.

Rilassatevi e pensate a un viaggio che fate spesso (per esempio il tragitto casa-lavoro).

Definite 10 luoghi equidistanti lungo il percorso, non devono esserlo fisicamente, ma se vi danno la sensazione di equidistanza è tutto più facile. Questi posti devono possedere qualcosa di particolare (un oggetto, un’atmosfera…), qualcosa che vi ha colpito ed rimasto impresso nella vostra mente. A questo punto, dopo aver creato le 10 locazioni, potete cominciare a immagazzinare informazioni.

Vi consiglio di farvi aiutare da un amico. Fategli scrivere su un foglio il nome di 10 cose (di qualsiasi tipo). Il metodo per mandarle a memoria è piuttosto semplice: associate ad ogni oggetto (o concetto o…) del foglietto una scena in una delle 10 locazioni. Per esempio se la prima voce del foglietto è sasso e il primo luogo del vostro percorso è la vostra camera da letto, potete immaginare un sasso che affonda nel vostro soffice letto (se la prima voce fosse sesso l’associazione risulterebbe ancora più semplice).

Provate a riempire il vostro vettore con le seguenti cose:

insalata, ghiaccio, tartaruga, fazzoletto, giocoliere, chiodo, nuvola, dado, valle, rabbia.

Ripetete i nomi delle 10 cose, per verificare che le immagini (o sensazioni o “ditemelo voi”… In pratica le cose che in precedenza ho chiamato scene) evocative siano stabili nella vostra mente.

Una volta che avrete acquisito un po’ di dimestichezza con questo strumento astratto, vi basteranno pochi secondi per sistemare ogni singola locazione.

Provate adesso a ripetere i nomi partendo dall’ultimo – immaginate di percorrere il percorso dalla fine verso l’inizio. Vi accorgerete che questo giochetto viene naturale, perché vi basterà osservare le scene che avete creato per ricordarvi le entità associate.

Un’altra cosa che risulta davvero semplice da fare è sostituire il contenuto di una locazione con qualcosa di nuovo, senza “incasinare” tutto il vettore.

Per il momento è tutto.

This entry was posted in Null. Bookmark the permalink.

Leave a Reply