Snowclone

Lo snowclone non è un gioco.

Gli snowcloni (snowclones) fanno parte della grande famiglia dei virii* che possono contagiare la cultura — di paesi interi… Basta lasciarsi prendere, è un attimo. Le parole viaggiano per (la) natura; passano frontiere e attecchiscono in luoghi remoti cambiando lingua.

Alcune sono come la neve. Come la neve d’ottobre

Se gli eschimesi hanno N parole per la neve, X di sicuro avranno M parole per Y.

In base a queste non-regole

governare gli italiani non è impossibile, è inutile.

diventa

controllare i blogger non è impossibile, è inutile.

(non a caso) Il termine è stato coniato da Geoffrey K. Pullum — noto linguista — e diffuso attraverso il suo weblog Language Log.

In space, no one can hear you X.

X is the new Y.

X are from Mars, Y are from Venus.

To X or not to X.

Qalcuno ancora si chiede

What Would Jesus Link To?

Non credo ai miei occhi

“In Italia guardi la televisione.

In Russia la televisione ti guarda.”

E’ (forse) vero…

I post veloci sono la materia oscura della blogosfera.

E infine, ricordate

La prima regola degli snowcloni è: non parlare mai degli snowcloni.

riferimenti memetici: snowclones.org

This entry was posted in Null. Bookmark the permalink.

Leave a Reply