Ossimori crittografici (il teatrino della sicurezza)

Ovvero quello che succede quando l’ICAO (International Civil Aviation Organisation), per proteggere il contenuto dei chip RFID nei nuovi passaporti biometrici, suggerisce l’uso di un algoritmo di cifratura simmetrico (il triplo-DES in questo caso) con una chiave praticamente pubblica (in quanto composta da informazioni stampate sul passaporto).

Tutto questo è successo davvero: questi dettami sono stati presi alla lettera dagli inglesi.

Vi rimando all’interessante articolo apparso ieri su Guardian Unlimited.

riferimenti: L’ineluttabile sorte dei passaporti “ultrasicuri” (guardian.co.uk)

estensioni memetiche: Il teatrino della sicurezza

memetica pura al 100%: Alice and Bob (and Eve)

Questa voce è stata pubblicata in Null. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.