Catturare il flusso delle radio online

Ok. l’argomento è caldo ma un po’ tecnico, quindi tenetevi forte!

Questo post parla di cattura di streaming audio, l’equivalente hi-tech della registrazione su cassetta delle trasmissioni radiofoniche tradizionali (attività legale e legata a molti ricordi d’infanzia).

Ho scelto Streamripper (SR) come software di riferimento perché è free e disponibile per varie piattaforme. Negli esempi, data la diffusione, utilizzerò la versione plugin per Winamp.

Le cose da fare per cominciare a catturare l’audio sono semplicissime. Innanzitutto bisogna installare Streamripper (è disponibile un tutorial per il plugin di Winamp). Una volta installato e lanciato Winamp apparirà un’icona nella tray di Windows a indicare la presenza del plugin. Cliccando sopra all’icona con il tasto destro sarà possibile modificare le impostazioni.

Nella finestra di dialogo che si aprirà l’opzione principale riguarda l’indicazione della path in cui salvare i file (si trova in File / Output) e il pattern per i nomi (Pattern).

Dopo aver configurato SR tutto è pronto per provare a salvare qualcosa. Se non avete idea di cosa “catturare”, potete rivolgervi a directory come shoutcast.com o icecast.com per trovare una stazione in streaming.

Non vi parlerò esaustivamente della qualità dei formati di compressione audio. Posso dirvi velocemente due cose: mp3 è decente dai 128kbit/s in su, aac+ dai 48kbit/s in su.

Una volta scelta la playlist di una radio e avviato lo streaming, SR visualizzerà un messaggio tipo “Press start to rip…”, premete Start e il gioco è fatto. Una volta che ciò che vi interesa è terminato premete selezionalte Stop: i file catturati li ritroverete nella directory che avete scelto.

Con un po’ di pratica (e accorgimenti per la temporizzazione) potrete anche registrare trasmissioni in vostra assenza, per riascoltarle successivamente — un po’ come si fa con il videoregistratore.

Occhio che i file salvati possono occupare molto spazio. Per le “esigenze musicali” di tutti i giorni vi consiglio invece di evitare il lo streamripping. Per trovare è ascoltare musica adatta ai propri gusti è più utile utilizzare una “radio intelligente” come Last.fm, Pandora o Launchcast.

riferimenti: legal streamripping

, , ,

This entry was posted in Null. Bookmark the permalink.

Leave a Reply