Non troppo è meglio (post bacato)

“Se consideriamo la nostra esistenza e i nostri sforzi, rileviamo subito che tutte le nostre azioni e i nostri desideri sono legati all’esistenza degli altri uomini…”

— Albert Einstein

Nel mare di nozioni preconfezionate in cui siamo immersi impariamo fin dalla più tenera età a spiegare tutto, ma non abbiamo più la possibilità di capire tutto (traguardo che un tempo si poteva raggiungere) e spesso il nostro livello di comprensione delle cose di cui ci occupiamo è a dir poco superficiale. Questo ci porta a specializzarci sempre più e a “delegare”… E’ naturale.

I media (ormai da un bel pezzo) hanno assunto un potere eccezionale. Le loro notizie / storie / suggestioni / … perforano la nostra neo-corteccia e riescono letteralmente a svegliare la bestia che è in noi. A volte riescono a trasportare le masse, come se fossero stupidi greggi, verso gli obbiettivi “giusti”.

“Se cerco di immaginare il dispotismo moderno, vedo una folla smisurata di

esseri simili ed eguali.” [ Alexis de Tocqueville ]

Abbiamo deciso di pensionare il senso critico e stiamo provando a sbarazzarci della faticosa creatività.

Italia 1!

This entry was posted in Null. Bookmark the permalink.

Leave a Reply